NEW

NEW • Lavorare con la famiglia adottiva • gennaio/febbraio 2018


PER IL PROGRAMMA COMPLETO SCARICA QUI LA BROCHURE

CORSO DI FORMAZIONE INTENSIVA A ROMA
LAVORARE CON LA FAMIGLIA ADOTTIVA
GENNAIO/FEBBRAIO 2018

Nell’intento di offrire un approfondimento specialistico nel campo clinico con le famiglie adottive l’Accademia di Psicoterapia della Famiglia organizza un corso intensivo che si articolerà in 3 moduli da svolgersi nell’arco di un mese presso la sua Sede, in via Antonio Bosio, 34 - Roma. Possono accedere al corso psicologi, psicoterapeuti, neuropsichiatri infantili e operatori sociali con interesse ed esperienza professionale nel campo dell’adozione. Le attività formative avranno un taglio clinico esperienziale e cercheranno di analizzare gli eventi critici che caratterizzano il ciclo vitale della famiglia adottiva che, se non adeguatamente affrontati, possono rappresentare un fattore di rischio nel percorso adottivo. Verranno forniti strumenti teorici e operativi per comprendere le situazioni di crisi, sia fisiologiche, sia causate da gravi impasse evolutive, che possono insorgere nelle diverse tappe di crescita del figlio adottivo, illustrando criteri concettuali e strategie operative utili per intervenire efficacemente. È prevista una metodologia didattica attiva e coinvolgente attraverso esercitazioni e l’esame di numerosi casi clinici esemplificativi.

Primo modulo: sabato 27 gennaio 2017 - ore 9.30 - 17.30
L. Luzzatto / S. Iocca
SCRIVERE DI SÉ PER INCONTRARE L’ALTRO.
LA VALUTAZIONE DELL’OPPORTUNITÀ DI ADOTTARE CON PICCOLI GRUPPI DI COPPIE
Sarà presentata un’esperienza innovativa di valutazione dell’opportunità di adottare condotta in una ASL romana, lavorando con piccoli gruppi di coppie, utilizzando la scrittura autobiografica. Verrà considerata la metodologia impiegata, i limiti e le risorse, le implicazioni diagnostiche, dinamiche e relazionali e le reazioni delle coppie. I partecipanti saranno coinvolti attraverso una modalità esperienziale di scrittura, che consenta di sperimentare gli aspetti emozionali e cognitivi in gioco. Verranno inoltre presentati casi di coppie che hanno concluso tale percorso con esito sia positivo che negativo per quanto concerne l’opportunità di procedere verso l’adozione.

Secondo modulo: sabato 10 / domenica 11 febbraio 2018 - ore 9.30 - 17.30
A. D’Andrea
LE RIDONDANZE CLINICHE PRESENTI DURANTE IL PROCESSO ADOTTIVO
In particolare verranno prese in considerazione le due fasi iniziali del percorso:

PRIMO GIORNO La fase preadottiva:

  • Mancata elaborazione del lutto della sterilità
  • Motivazione non condivisa della coppia verso la scelta adottiva
  • I campi di osservazione per gli operatori durante gli studi di coppia
  • La “tenuta” del patto coniugale nel tempo dell’attesa
  • I fattori di rischio per il bambino nei contesti di attesa (adultizzazione precoce, smarrimento identitario...)

SECONDO GIORNO La fase dell'inserimento del bambino in famiglia:

  • Il confronto tra le aspettative e il figlio reale
  • I processi di legittimazione genitoriale e il confronto con i genitori di nascita del bambino
  • Il rischio di vivere l’esperienza adottiva come un reciproco risarcimento rispetto ai danni vissuti nella fase preadottiva
  • Il coinvolgimento della famiglia allargata nel processo adottivo
  • L’adozione come esperienza resiliente in grado di integrare storie diverse


Terzo modulo: sabato 24 / domenica 25 febbraio 2018 - ore 9.30 - 17.30
M. Chistolini
L’INTERVENTO CLINICO NELLE DIVERSE CRITICITÀ
Ci si concentrerà nell’intervento di aiuto alla famiglia adottiva in difficoltà affrontando sia le criticità presenti, in diversa misura, nella maggioranza delle famiglie adottive e che, pertanto, sono da considerarsi fisiologiche, sia quelle condizioni di grave disagio relazionale ed esistenziale che richiedono interventi di aiuto complessi. In specifico i temi che verranno affrontati sono:

PRIMO GIORNO

  • Il tema delle origini, l’abbandono e altre esperienze sfavorevoli: prevenire e curarne gli effetti a breve e lungo termine
  • Difficoltà di adattamento e problemi di condotta nei bambini e negli adolescenti: cause e strategie di intervento
  • Il fallimento adottivo: significato, cause e prevenzione


SECONDO GIORNO

  • La presa in carico della richiesta di aiuto
  • La consultazione familiare: come, quando e chi convocare
  • Il progetto terapeutico
  • La terapia familiare e la terapia individuale, vantaggi e rischi
  • Criteri guida nei casi di fallimento adottivo


I DOCENTI
Marco Chistolini, psicologo e psicoterapeuta familiare, lavora da molti anni come clinico, formatore e supervisore sui temi della tutela dei minori, dell’affido familiare e dell'adozione. Relatore in convegni nazionali e internazionali, è responsabile scientifico del Ciai - Centro Italiano Aiuti all’Infanzia. È autore, per Franco Angeli, di numerose pubblicazioni sui temi di interesse tra le quali: Scuola e adozione (2006), La famiglia adottiva. Come accompagnarla e sostenerla (2010), Affido sine die e tutela dei minori (2015) e curatore, insieme a M. Raymondi, di Scenari e sfide dell’adozione internazionale (2009) e di Figli adottivi crescono (2010) e, insieme a M. Andolfi e A. D’Andrea, di La famiglia adottiva tra crisi e sviluppo (2017).

Antonio D’Andrea, psicologo e psicoterapeuta familiare, didatta dell’Accademia di Psicoterapia della Famiglia di Roma, svolge attività di supervisione per gli operatori che si occupano di adozione. È autore, per Franco Angeli, del libro I tempi dell’attesa. Come vivono l’attesa dell’adozione il bambino, la coppia e gli operatori (2000) e curatore, insieme a M. Andolfi e M. Chistolini, di La famiglia adottiva tra crisi e sviluppo (2017).

Simona Iocca, psicologa e psicoterapeuta familiare.

Leonardo Luzzatto, psicologo e psicoanalista SPI e IPA, coordinatore GIL Adozioni ASL Roma 2, presidente Centro Aiuto Adozione di Roma.

Il corso verrà attivato con un numero minimo di 15 partecipanti. Per gli Assistenti Sociali è prevista l’erogazione di crediti formativi. Su richiesta e a fronte di un contributo integrativo, verranno erogati crediti ECM per Psicologi e Medici.