22
MAG
2021

Le Fratture dei Divorzi • Due Seminari su ZOOM • 22 Maggio 2021


SCARICA QUI LA BROCHURE CON LA SCHEDA D’ISCRIZIONE

Accademia di Psicoterapia della Famiglia Presenta

Le Fratture dei Divorzi

2 Seminari su Piattaforma ZOOM
22 Maggio 2021


9.30 / 13.30
Alessandra Salerno*
LE CONSEGUENZE DEI DIVORZI OSTILI 
SU ADOLESCENTI E GIOVANI ADULTI

La ricerca internazionale relativa alle conseguenze del divorzio sul benessere psicologico dei figli ha spesso trascurato l’impatto che l’evento separativo e i cambiamenti ad esso connessi possono avere sulla vita e sulle scelte dei figli adulti. Il vissuto del sentirsi “intrappolati” nel conflitto coniugale sembra avere esiti a lungo termine e influenzare differentemente la relazione con il padre e con la madre. Nel corso della lezione, anche attraverso esemplificazioni cliniche, ci si concentrerà sull’impatto del divorzio genitoriale sulla qualità delle relazioni di coppia dei figli adulti e sulle modalità di intervento clinico.


*Psicologa, psicoterapeuta, didatta APF Palermo, professore associato Università di Palermo

 

14.30 / 18.30
Anna Mascellani*
LA TERAPIA DEL DIVORZIO BLOCCATO

Sono sempre più numerose le situazioni di divorzio bloccato, in cui la persistenza nel tempo di un’alta conflittualità nella coppia, spesso a distanza di molti anni dalla separazione fisica, impedisce la naturale trasformazione del legame coniugale e, di conseguenza, lo sviluppo di tutti i legami familiari coinvolti. Come nel matrimonio, anche nel divorzio alla coppia viene richiesto di assolvere alcuni compiti evolutivi fondamentali, primo tra i quali il mettere in salvo la genitorialità quando la coniugalità finisce. Ma quando i confini del legame sono ambigui e altalenanti tra l’attaccamento confusivo e il conflitto esasperato tutto ciò è praticamente impossibile: nei divorzi bloccati la separazione coniugale equivale alla fine di tutto, quindi, più semplicemente, nei divorzi bloccati la separazione non c’è. Attraverso la presentazione di un processo clinico verrà illustrato come la sofferenza che il divorzio porta con sé può venire accolta e elaborata in un processo psichico congiunto che accompagni gli ex coniugi a dare un senso alla fine del legame in funzione dei propri processi evolutivi, riprendendo il cammino di una reale separazione emotiva. In un contesto che riconosca i loro sentimenti, la competenza e valorizzi il loro sguardo attento sui figli, il terapeuta può aiutare gli ex partner a intravedere nell’altro non più il nemico da distruggere ma l’alleato su cui contare per sentirsi genitori migliori.


*Psicologa, psicoterapeuta familiare, vicedirettore e didatta APF Roma